Filippo Mauro Motole

Versione Stampabile
Filippo Mauro MotoleBasso elettrico

Sostanzialmente autodidatta, o se preferite autodidatta di sostanza. Acquista il primo basso elettrico in età puberale perché fermamente convinto che le frequenze basse stimolino gli ormoni delle giovani donne. Dopo aver ascoltato per 3 minuti Jaco Pastorius, si rende conto che oltre ad acquistarlo, il basso, bisogna anche studiarlo. Ha diviso il palco con i migliori e i peggiori musicisti salentini ma il vero salto di qualità lo ha fatto grazie al tour, 2 date, con Romeo Livieri (come chi è, Chitarra Vagabonda ?, Diavolo Biondo ?, Lu limoni ?…). Divide l'attività di musicista con quella di grafico e illustratore ed è quasi certo che il suo coinvolgimento nelle band sia strettamente correlato alla realizzazione delle relative locandine. Suona indistintamente bassi a 4, 5 e 6 corde, nel senso che proprio non li distingue, ed è ancora convinto circa le proprietà terapeutiche del basso elettrico sulle giovani donne. E anche non più giovani.